• LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • claudia annechini

Psicologia e architettura museale. La strana coppia.


Sono aperte le iscrizioni per il Master interateneo in Psicologia architettonica e del paesaggio 2019/2010, promosso dall'Università di Padova, con lo IUAV di Venezia e il Centro Interateneo di Ricerca in Psicologia Ambientale (CIRPA) dell'Università di Roma “La Sapienza”.


Un'offerta formativa interdisciplinare in cui credo molto e di cui ho la fortuna di prendere parte già da tre anni come docente. Il Master è rivolto a neo-laureati o professionisti interessati ad acquisire specifiche competenze di psicologia ambientale in ambito di lavoro, cultura e svago. L'ambiente, nelle sue caratteristiche architettoniche e naturali, interagisce con le componenti cognitive ed affettive umane nel promuovere o sfavorire il benessere dell'individuo e della collettività.


All'interno di questa cornice si sviluppa il mio modulo dedicato alla fruizione dello spazio museale ed espositivo. L'impatto che architettura e design hanno sul visitatore, il modo in cui mediano sull'esperienza in senso positivo e negativo, non possono più essere ignorati da curatori, progettisti, designer, mediatori... Sopratutto da quando attività culturali e artistiche hanno dimostrato di avere un impatto effettivo sulla salute della persona: dalla pressione cardiaca, all'abbattimento dello stress, passando per la percezione ottimistica della propria persona all'interno della società in cui si vive. Il master aiuta ad evidenziare le caratteristiche di questo impatto, mettendo in guardia i partecipanti su criticità e potenziale.


La scadenza per le domande di ammissione al master e il 3 ottobre 2019.

Maggiori info al seguente link.