• claudia annechini

AmazeME.2


Perché esiste l'arte?

Secondo Wikipedia "L’arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che, poggiando su accorgimenti tecnici e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall'esperienza, porta a forme creative di espressione estetica.”

Cos'ha fatto sí che nella storia delle specie umana questa pratica si mantenesse presente, viva, necessaria e costante?

Secondo Ellen Dissanayake docente della University of Washington a Seattle, esperta di antropologia evoluzionistica ed estetica, le pratiche artistiche hanno contribuito attivamente all'evoluzione dell'uomo.

L’arte possiede delle caratteristiche che la rendono evolutivamente rilevante, prima fra tutte il fatto che questa sia universalmente presente in tutte le culture.

Dev'esserci una forte ragione perché la pratica artistica (oggi considerata "superflua" da alcuni) in periodi di glaciazione, carestia, malattia, guerra, si sia mantenuta e trasformata nel tempo. Per creare arte sono necessarie risorse economiche, tempo, energie e capacità. Tutto questo impegno ci sarebbe stato se l'arte non avesse avuto una qualche utilità in funzione della sopravvivenza e dell'adattamento della specie?

Piacere, socialità, spiritualità, economia, comunicazione...

Da un punto di vista dell'estetica evoluzionistica dunque, cosa lega l'arte alla specie umana?


Dissanayake, E. (2015). What is art for?. University of Washington Press.


  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon